“Sento che una vera intimità con lui non è più possibile…

perché mi sono accorta che non so più chi è. Come faccio a ridurre la distanza con una persona che sento lontana?  Per molto tempo in realtà non ho voluto vedere aspetti di lui che c’erano ma forse erano troppo lontani dall’immagine che avevo di lui…o forse di come io lo desideravo?

Vivo un vortice di emozioni altalenanti: a volte sono disorientata altre arrabbiata, altre ancora mi manca moltissimo come stavamo insieme, quando stavamo bene e finisco per cercare, volere qualcosa con lui che semplicemente non c’è più. Resto attaccata al passato e mi sento poche energie per cambiare, per provare a chiedermi chi sono diventata e cosa vorrei oggi da una relazione soddisfacente. Mi ‘lascio vivere’… “

C’è un momento nella coppia in cui si abbandona l’idealizzazione iniziale e si inizia a vedere il partner sotto un’altra luce. Questo può avvenire a causa di un cambiamento brusco dovuto a un tradimento, ad un allontanamento causato dalla nascita dei figli, a un lutto, alla perdita del lavoro. Oppure anche senza che avvengano cambiamenti eclatanti. Dal momento di fusione iniziale in cui ci si percepiva come un tutt’uno con l’altro, ci si ritrova disorientati a chiedersi chi si è faticando a ritrovarsi come persone dall’identità separata.

Non è depressione, anche se l’umore è a tratti abbattuto. E’ solo una fase di cambiamento che richiede di provare a conoscersi per come si è diventati, per ciò che oggi si desidera e poi scegliere. Costruire con l’altro un modo diverso di stare insieme, creando su questo un’alleanza oppure trovare il coraggio di sciogliere il legame e riprendere a vivere.